Dal 7 novembre in poi, per tre settimane, le zone di Trevi servite dalla raccolta porta a porta con il sistema tris saranno interessate da una modifica: la raccolta dell’indifferenziato passerà da stradale a domiciliare e, viceversa, quella del vetro da domiciliare a stradale. La trasformazione è resa necessaria dalla minore “produttività” dell’attuale sistema di raccolta: la raccolta differenziata nelle zone servite dal conferimento domiciliare di carta, plastica e vetro raggiunge appena il 30%, mentre nelle zone con la raccolta dell’indifferenziato porta a porta supera il 60%. Avere il contenitore dei rifiuti indifferenziati in casa induce infatti a separare più rigorosamente i rifiuti organici che in presenza del contenitore per i rifiuti non riciclabili stradali non vengono invece separati.

Cosa dovranno fare per agevolare questa trasformazione i cittadini di Trevi? E’ sufficiente che espongano il contenitore del vetro nella settimana indicata nel volantino che ogni famiglia ha ricevuto. Il bidone con il coperchio verde verrà sostituito con quello con il coperchio grigio che sarà consegnato a domicilio insieme al nuovo calendario dei ritiri. La quantità di vetro prodotta dalle famiglie è di norma ridotta e quindi non crea particolare disagio utilizzare i contenitori che verranno riposizionati su strada vicino a quelli della raccolta dell’organico.

Le famiglie che hanno necessità di smaltire pannoloni e pannolini possono richiedere la chiave per i relativi contenitori chiusi che saranno posizionati su strada nelle zone in cui ne viene fatta richiesta. Chiamando il numero verde 800 280328 o inviando una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. la richiesta della chiave viene registrata e verrà consegnata da VUS a domicilio.

Nel primo semestre del 2011 la raccolta differenziata a Trevi ha superato il 40%, ma siamo ancora lontani dal 65% che la legge prevede sia raggiunto nel 2012. Tenendo conto che il 40% di raccolta differenziata  è  formato per un 5%  dal compostaggio domestico, per l’11% dai recuperatori e per il 24% dalla raccolta del territorio, è necessario incrementare questa ultima parte, anche in considerazione che oltre il 60% delle famiglie del comune di Trevi è servita con la raccolta porta a porta. La modifica che verrà attuata va proprio nella direzione di aumentare in maniera significativa questa percentuale di raccolta differenziata per raggiungere gradualmente i livelli previsti dalla legge.