Stampa

Carta a km 0: continua la collaborazione tra VUS e Cartiere di Trevi

Dai cassonetti direttamente alla cartiera: con il nuovo accordo il riciclo della carta è a basso impatto ambientale

Rinnovato per il terzo anno consecutivo l'accordo tra VUS e Cartiere di Trevi per la produzione di carta a km 0 diventa sempre più ecologico, prevedendo quest'anno anche il conferimento della carta della raccolta differenziata direttamente alla Cartiera.

Valle Umbra Servizi, società che cura la raccolta e il trasporto dei rifiuti per 22 comuni del comprensorio folignate, spoletino e della Valnerina, e Cartiere di Trevi - unica cartiera della Regione Umbria -  hanno confermato un accordo che permette di avviare a riciclo, direttamente nel territorio, la carta e cartone provenienti dalla raccolta differenziata. I benefici di tale pratica virtuosa sono evidenti sia in termini di riduzione delle emissioni in atmosfera, con il trasporto dei maceri ‘a chilometri zero’, che per l’occupazione nell’area di Trevi e per la crescita di un’industria strategica, nel quadro dello sviluppo sostenibile delle comunità locali. Peraltro tale pratica è in linea con le politiche ambientali del Comune di Trevi, certificato EMAS e quindi particolarmente impegnato nella tutela e nella salvaguardia del proprio patrimonio naturale.

Con l'accordo, VUS e Cartiere di Trevi si impegnano a recuperare annualmente un quantitativo minimo di carta a cartone di 3.500 tonnellate. Le carte e i cartoni delle Cartiere di Trevi sono fabbricati esclusivamente con carta da macero riciclata. La gamma dei prodotti prevede quattro tipologie: cartone per packaging, cartone grigio, cartoncini ad alta resistenza e cartone laminato. La valenza dell'accordo peraltro va oltre i diretti benefici ambientali legati al riciclo della carta direttamente sul territorio, avendo un importante significato simbolico e di comunicazione. Sfatando con i fatti e con i numeri la convinzione che dopo la separazione i rifiuti vengono rimescolati - convinzione diffusa ovunque anche per assolvere la deresponsabilizzazione di chi non pratica la raccolta differenziata -  si dà invece evidenza tangibile alla utilità dell'impegno nella separazione dei rifiuti.  La raccolta differenziata comporta è vero un impegno maggiore per il cittadino e per il gestore, ma i vantaggi in termini ambientali sono certi ed evidenti, in particolare se il riciclo avviene nell'ambito dello stesso territorio, come nel caso dell'accordo tra VUS e Cartiere di Trevi.