Sei qui: Home

Immesso in rete il primo metro cubo di biometano prodotto dall’impianto di Foligno

PDF  Stampa  E-mail 
Il primo metro cubo di biometano prodotto dall’impianto di Foligno, realizzato e gestito da Asja Ambiente Italia, è stato immesso nella rete di distribuzione locale del gas naturale di Valle Umbra Servizi – VUS, lunedì 4 marzo 2019 .

Il biometano è un gas rinnovabile ricavato dalla frazione organica dei rifiuti solidi urbani (FOU). Si prevede che la produzione a regime dell’impianto, pari a 4 milioni di metri cubi di biometano l’anno, sarà sufficiente a rifornire fino a 573 auto al giorno o a soddisfare il fabbisogno annuale di 2.857 famiglie, per un risparmio di 3.280 tonnellate di petrolio equivalente l’anno.

Inaugurato il 30 maggio 2018, l’impianto provvede al trattamento e recupero di 53.500 tonnellate l’anno di rifiuti organici (FOU e verde pubblico) e, oltre al biometano, produce 15.000 tonnellate di compost di qualità.

L’impianto, progettato nel rispetto delle migliori tecnologie disponibili, consente al territorio di chiudere in maniera virtuosa il ciclo dei rifiuti, evitando i costi economici e ambientali derivanti da un’insufficiente capacità di trattamento dell’organico differenziato a livello locale.

Asja Ambiente Italia, società che ha proposto il progetto di project finance e che si è aggiudicata la gara ad evidenza pubblica per la progettazione, costruzione e gestione dell’impianto, ha ricevuto il supporto finanziario di Alba Leasing.

La realizzazione dell’impianto è il risultato del lavoro e dell’impegno di istituzioni, operatori e territorio, esempio di successo di come la collaborazione tra settore pubblico e privato, grazie anche al controllo attivo dei cittadini, sia in grado di dare soluzioni concrete, efficaci e sostenibili ai bisogni del territorio.

Siamo orgogliosi di questo risultato che è un esempio virtuoso di economia circolare dando concreta attuazione al riciclo virtuoso dei rifiuti. L’immissione in rete del metano prodotto dall’organico che raccogliamo in questo territorio è importante non solo per i benefici ambientali che produce, ma anche perché è un segnale concreto per i cittadini che il loro impegno nella separazione dei rifiuti dà risultati tangibili in termini di riduzione di gas serra” afferma il presidente di Valle Umbra Servizi Lamberto Dolci.

È un risultato molto importante per Asja” dichiara Agostino Re Rebaudengo, presidente di Asja Ambiente Italia, che prosegue “Gli impianti di biometano sono la soluzione tecnologica più avanzata per il recupero della frazione organica dei rifiuti urbani. Quello di Foligno è il primo di una serie di impianti che stiamo realizzando. Con l’immissione del primo metro cubo di biometano in rete, si corona l’impegno delle tante persone che hanno creduto in questo progetto di economia circolare.”

Da anni la nostra società è impegnata a dare il necessario sostegno creditizio alle imprese che investono in tutto ciò che risponde al pieno rispetto dell’economia circolare, unica strada che assicura oggi uno sviluppo sostenibile” commenta il vicedirettore generale di Alba Leasing, Stefano Corti. “Per noi è un vanto la partnership con Asja Ambiente Italia che, prima dell’impianto di biometano a Foligno, si è affidata alla nostra professionalità per realizzare anche un importante parco eolico a Matera.”

Ultimo aggiornamento ( Martedì 05 Marzo 2019 16:32 )