Spoleto, 22 dicembre ’09

Raccolta differenziata in carcere

Firmato l’accordo tra Valle Umbra Servizi e Casa di reclusione di Maiano

Da condotte degradate alla collaborazione attiva alla differenziazione dei rifiuti e alla pulizia degli spazi: con il nuovo progetto di VUS e della Casa di Reclusione di Maiano i detenuti scelgono la legalità nella gestione quotidiana dei propri rifiuti. Con la firma dell’accordo di collaborazione tra i due enti si inizia un percorso che porterà benefici su più fronti: quello ambientale, per il significativo apporto alla raccolta differenziata di un contesto che coinvolge giornalmente oltre 1000 persone, tra detenuti, agenti di custodia e altro personale e quello sociale per l’impiego dei detenuti nelle operazioni di una corretta gestione dei rifiuti.

L’accordo prevede l’articolazione di un progetto di raccolta differenziata per tutte le strutture del carcere: le mense, gli uffici, le sezioni di detenzione, le abitazioni del personale, il bar interno, la tipografia, la falegnameria e le altre strutture di produzione. Saranno coinvolti, sia la polizia penitenziaria e l’altro personale del carcere, che i detenuti, che  peraltro collaboreranno attivamente alla separazione dei rifiuti e alle operazioni di raccolta. Per assicurare la partecipazione e l’informazione di tutte le figure coinvolte saranno svolti  corsi di formazione con i detenuti e incontri promozionali con il personale.

Specifica attenzione viene prestata alle condizioni di sicurezza e al ristretto spazio nelle celle, in particolare nelle attuali condizioni di sovraffollamento del carcere, per individuare idonee attrezzature per i rifiuti che rispondano alle norme di sicurezza e siano funzionali. Nel corso del progetto si realizzeranno gli opportuni strumenti informativi con la collaborazione dei detenuti, che parteciperanno sia alla definizione dei contenuti nelle varie lingue che alla stampa, nella tipografia del carcere.
Luca Barberini, presidente di VUS, sottolinea l’importanza sociale oltre che ambientale del progetto: " Abbiamo promosso questa iniziativa, perché rientra nel piano di incremento della raccolta differenziata per il quale ci stiamo fortemente impegnando, ma anche perchè consente di attivare la partecipazione e la collaborazione della popolazione detenuta; le borse lavoro che mette a disposizione VUS per i detenuti meritevoli sono di stimolo e di guida per tutta la popolazione carceraria per cui il lavoro deve essere la principale e più credibile via di integrazione alla legalità”.